Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Concerti di Paolo Angeli | Balázs János & Lukács Miklós

Improvvisazioni 2022 – Una serata, due concerti

Concerti di Paolo Angeli | Balázs János & Lukács Miklós

L’evento è organizzato nell’ambito del Festival di Primavera di Budapest in collaborazione con il Budapest Brand e con l’Istituto Italiano di Cultura

Informazioni

Il sardo Paolo Angeli riesce a creare, con la sua magia, una musica meravigliosa ed incredibilimente diversificata. La sua chitarra unica ed appositamente preparata diventa uno strumento-orchestra ibrido le cui corde, come eliche a motore comandate da pedaliere, si spingono in ogni direzione e guidano il musicista, tramite l’uso di effetti elettronici senza loop, verso la creazione di suoni insoliti. Con questo singolare strumento Paolo Angelini improvvisa e compone una musica non classificabile, sospesa tra musica tradizionale sarda, free jazz, flamenco, suggestioni arabe, post folk e i generi musicali precedenti. Ha collaborato con Pat Metheny (nell’Orchestrion usa la chitarra di Angeli), Fred Frith, Hamid Drake, Iva Bittova, Antonello Salis, Evan Parker, Takumi Fukushima, Louis Sclavis e Paolo Fresu.

János Balázs è uno dei pianisti più ricercati e di maggior successo. Al suo attivo conta numerosi concerti nelle sale più prestigiose del mondo, oltre ad essere uno dei pochi musicisti acclamati sia dal pubblico che dalla critica. Il suo virtuosismo e l’alto livello della sua tecnica pianistica sono abbinati alla sua straordinaria capacità di coinvolgere il pubblico con la sua interpretazione musicale.

Miklós Lukács è uno dei musicisti di zimbalon più richiesti e versatili al mondo. La musica contemporanea, il jazz e la musica di popoli diversi sono in perfetta simbiosi nella sua arte. Possiamo ascoltare le sue esecuzioni in più di cinquanta dischi, un terzo dei quali è stato da lui realizzato e prodotto. I suoi concerti e i suoi dischi sono regolarmente riportati non solo da riviste di musica internazionali e nazionali, ma anche da giornali come The New York Times, Chicago Tribune, The Guardian.