Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EVENTO RINVIATO - Concerto - „IN MEMORIAM GIOVANNI BOTTESINI”

Data:

26/11/2021


EVENTO RINVIATO - Concerto - „IN MEMORIAM GIOVANNI BOTTESINI”

„IN MEMORIAM GIOVANNI BOTTESINI”
In occasione del bicentenario della nascita del sommo virtuoso di contrabbasso

con la partecipazione di

GERGELY JÁRDÁNYI CONTRABBASSO | NAGYBŐGŐ

KÁROLY ZENTAI PIANOFORTE | ZONGORA

ore 19.00 del 26 novembre 2021
RÉGI ZENEAKADÉMIA 1064 BUDAPEST, VÖRÖSMARTY U.35

PROGRAMMA

GIOVANNI BOTTESINI (1821 – 1889)

· Introduzione e gavotta (JGB 9.52)
· Romanza drammatica (JGB 9.58)
· Fantasia Lucia (JGB 9.34)
· Elegia (JGB 9.56)
· Tarantella (JGB 9.57)
***
· 3 arie
  Serenata de Il Barbiere di Siviglia (JGB 9.73)
  Aria de Il Trovatore (JGB 9.74)
  Romanza nell’Elisir d’amore (JGB 9.75)
· Fantasia Sonnambula (JGB 9.35)

200 anni fa, il 22 dicembre 1821, nacque il contrabbassista più famoso di tutti i tempi, Giovanni Bottesini. Era anche stimatissimo direttore d’orchestra e compositore dell’epoca. Fu lui, su richiesta dello stesso Verdi, a dirigere la prima assoluta dell’Aida nel 1871 al Cairo; alcune sue opere invece, grazie al grande successo, sono rimaste a lungo in cartellone con numerose repliche. Ma la sua fama mondiale è dovuta in primis al suo virtuosismo sul contrabbasso. Da giovane, all’età di 22 anni, venne definito dai critici per la prima volta come "Il Paganini del contrabbasso". Durante la sua carriera girò tutta l’Europa e l’America. Fu ospite delle più prestigiose corti reali e sale di concerto e si esibì collaborando con i più famosi solisti dell’epoca. Ha suonato nel suo noto Gran duo concertante (JGB 9.17) anche con Vieuxtemps o Wieniawski e, a volte, la bravura di Bottesini era maggiormente apprezzata dalla critica rispetto a quella dei famosi violinisti. Da decenni Gergely Járdányi si dedica, con grande passione, allo studio del lascito di Bottesini. Esegue, incide e pubblica le sue composizioni contrabbassistiche. In occasione del 200esimo anniversario della nascita del maestro italiano, il contrabbassista ungherese suonerà di nuovo tutte le opere per contrabbasso di Bottesini. Il presente concerto è il primo appuntamento di questo ciclo.

Gergely Járdányi
"È fra i contrabbassisti più quotati a livello mondiale" (Cd Classics, ottobre 2001, n° 12), Gergely Járdányi, allievo del grande Ludwig Streicher, nasce a Budapest nel 1957. Figlio d’arte: il padre, Pál Járdányi, famoso compositore, la madre, Elisabetta Devescovi (di origine italiana), arpista. La sua carriera da solista e da collaboratore in vari complessi da camera lo porta in molti centri d'Europa, America ed Asia. Per vent’anni titolare della cattedra di contrabbasso all'Accademia di Musica "Ferenc Liszt" di Budapest, Járdányi attualmente insegna presso il Conservatorio di Vicenza. I suoi allievi sono vincitori di diversi premi di concorsi nazionali ed internazionali e suonano nelle migliori orchestre europée. Járdányi è conosciuto soprattutto come ricercatore ed interprete di Bottesini: ha registrato (per la Hungaroton) e sta pubblicando (per la Akkord) tutte le musiche contrabbassistiche del maestro ottocentesco. Attualmente sta lavorando sul primo catalogo completo delle composizioni di Bottesini. Nel 2003 gli viene conferito il "Premio Liszt", nel 2016 il premio "Pro Urbe Budapest". Negli ultimi anni al centro dell’attenzione di Gergely Járdányi si trova il lascito musicale di suo padre: Gergely ha intenzione di fondare un salotto ed archivio commemorativo dedicato a Pál Járdányi.

Informazioni

Data: Ven 26 Nov 2021

Orario: Alle 19:00

Ingresso : Libero


Luogo:

RÉGI ZENEAKADÉMIA (Budapest, Vörösmarty u. 35, 1064)

1986