Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

V. Settimana della Cucina Italiana nel mondo

Data:

22/11/2020


V. Settimana della Cucina Italiana nel mondo

settimanacucina2020 800x445

________________________________

quanto basta

 

23 novembre, ore 19.30

Proiezione del film

Quanto basta (2018 – 92’) Regia di Francesco Falaschi

 

 

 

 

 

 

 

________________________________

artusi

51laclnbeil

 

Martedì 24 novembre, ore 18.00

Seminario del professor Massimo Montanari:

“Pellegrino Artusi, il primo blogger gastronomico” 

 

 

 

 

 

 

________________________________

pranzo di ferragosto

 

Lunedì 30 novembre, ore 19.30

Proiezione del film

Pranzo di Ferragosto (2008, 75’) di Gianni Di Gregorio

 

 

 

 

 

 

 

 

________________________________

"Saperi e Sapori delle Terre Italiane, a 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi"

Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

Cos’è

La “Settimana della cucina italiana nel mondo” è una rassegna annuale, giunta alla sua quinta edizione, che celebra il patrimonio della cucina italiana, promuovendone le eccellenze attraverso la Rete della nostra diplomazia, raggiungendo 124 paesi tra Ambasciate, Consolati, Istituti di Cultura, ICE e Camere di Commercio all'Estero.

In risposta agli ostacoli creati dall’attuale crisi globale, l’edizione 2020 riparte dalle radici della nostra tradizione, cogliendo la ricorrenza del bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi, padre della cucina domestica italiana, per proporre un focus sul rapporto essenziale che lega patrimonio gastronomico italiano e suoi territori d’origine. Il collegamento alla figura di Artusi, ribadito nel titolo “Saperi e Sapori delle terre italiane, a 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi”, è stato individuato per valorizzare tanto la ricchezza e la varietà delle tradizioni culinarie dei territori italiani, come fissato nel suo Manuale, quanto la salubrità e sostenibilità dell’intera filiera (basandosi tradizionalmente sull’uso di prodotti locali e stagionali), incarnando esemplarmente principi e valori della Dieta mediterranea.

Gli assi portanti

Secondo una consolidata impostazione metodologica, la rassegna si sviluppa grazie al contributo sinergico di Istituzioni centrali, enti territoriali, attori pubblici e privati, filiere produttive e mondo accademico-scientifico, la cui mission muove secondo le seguenti linee direttrici generali:

valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche delle Regioni e dei territori italiani, anche a fini turistici, in connessione con la rinnovata proiezione tridimensionale della Promozione Integrata della Farnesina (dimensione culturale, economia, e della ricerca scientifica);

valorizzazione della Dieta Mediterranea quale modello di stile di vita equilibrato;

tutela e valorizzazione dei prodotti a denominazione protetta e controllata, unitamente ad azioni di contrasto al fenomeno dell’Italian sounding;

azioni di promozione dei vini italiani per migliorarne il posizionamento sui mercati internazionali;

attività di presentazione e internazionalizzazione dell’offerta formativa italiana del settore;

valorizzazione delle celebrazioni del bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi, autore de “La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene”, la prima trattazione gastronomica dell'Italia unita.

Chi, dove, quando

Il progetto, ideato e coordinato dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina, si terrà dal 23 al 29 novembre 2020, ed è stato ripensato nella sua struttura organizzativa alla luce dell’emergenza pandemica globale, sperimentando modalità ibride (digitali e in presenza) per massimizzarne l'impatto rispetto alla situazione del Paese di riferimento.

L’iniziativa si inserisce nel piano “Vivere ALL’Italiana”, lanciato dal MAECI per coinvolgere attivamente attori pubblici e privati in un’azione di promozione integrata del nostro Paese.

Informazioni

Data: Da Dom 22 Nov 2020 a Dom 29 Nov 2020

Orario: Alle 09:00

Ingresso : Libero


1874