Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MUSICA | Concerto Tiziano Citro - compositore, Emilio Aversano – pianoforte, Agnese Durante - pianoforte Ospite speciale: Quartetto d’archi dell’Orchestra Sinfonica MÁV

Data:

20/02/2020


MUSICA | Concerto  Tiziano Citro - compositore, Emilio Aversano – pianoforte, Agnese Durante - pianoforte  Ospite speciale: Quartetto d’archi dell’Orchestra Sinfonica MÁV

MUSICA | Concerto

Tiziano Citro - compositore, Emilio Aversano – pianoforte, Agnese Durante - pianoforte

Ospite speciale: Quartetto d’archi dell’Orchestra Sinfonica MÁV

Una serata dedicata al compositore campano Tiziano Citro che presenterà due sue composizioni in prima esecuzione internazionale. Torna inoltre all’Istituto Italiano di Cultura l’apprezzato pianista Emilio Aversano, che presenterà come solista alcune sonate di Scarlatti, in anteprima dell’uscita del suo CD per la Warner Classics proprio con le sonate scarlattiane. Inoltre presentiamo una giovanissima promessa, la pianista Agnese Durante, uno dei talenti emergenti del panorama solistico italiano.

PROGRAMMA

Tiziano Citro
Reminiscenze medievali per pianoforte e quartetto d’archi (Emilio Aversano - Quartetto d’archi MÁV)

Tiziano Citro
Quartetto per archi mi re la (Quartetto d’archi MÁV)

J. S. Bach
Concerto per due pianoforti BWV 1060 (Emilio Aversano - Agnese Durante)

Domenico Scarlatti
Sonate per pianoforte (Emilio Aversano)

Organizzato da Classics Management Kft. in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura

Prenotazione obbligatoria entro il 14 febbraio 2020 iicbudapest@esteri.it.

L’Istituto riserverà rigorosamente l’accesso al concerto ai possessori della tessera di socio (+1 persona) in corso di validità.

Informazioni

Data: Gio 20 Feb 2020

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : Classics Management Kft.

In collaborazione con : Istituto Italiano di Cultura di Budapest

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Budapest - Sala Giuseppe Verdi

1765