Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Spettacolo | Leggere Dante: il coraggio di assumere il proprio destino

Data:

25/10/2019


Spettacolo | Leggere Dante: il coraggio di assumere il proprio destino

Spettacolo | Leggere Dante: il coraggio di assumere il proprio destino

Lettura Dantis – canto XXVI dell’Inferno – con musiche dal vivo di tradizione greco-ottomana di e con Moni Ovadia e Dimitris Kotsiouros (canto e qanûn) e Maurizio Dehò (violarda)

Moni Ovadia, grande intellettuale contemporaneo che ha sempre avuto come filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria la tradizione composita e sfaccettata, il "vagabondaggio culturale e reale" proprio del popolo ebraico e della figura dell’esiliato in genere, si confronta con il canto XXVI dell’inferno dantesco da cui emerge la figura di Ulisse.

Un Ulisse che nella “Divina Commedia” chiama i compagni "fratelli" e li incita ad interrogarsi sul senso della vita e a non privarsi nell'ultima parte dell'esistenza della possibilità di continuare a conoscere.

Una grande lezione di consapevolezza e un richiamo a quei valori che distinguono gli esseri umani dal resto del creato.

Informazioni

Data: Ven 25 Ott 2019

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Budapest

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Budapest - Sala Federico Fellini

1721