Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EVENTO RINVIATO A DATA DA DEFINIRE - Il colore della fatica (2018 – 60’) Regia di Andrea Gropplero di Troppenburg

Data:

26/03/2019


EVENTO RINVIATO A DATA DA DEFINIRE - Il colore della fatica (2018 – 60’)  Regia di Andrea Gropplero di Troppenburg

Cinema | Cinevideoclub

Il colore della fatica (2018 – 60’)

Regia di Andrea Gropplero di Troppenburg

Montaggio: Fulvio Molena

Distributore e vendite estere: Istituto Luce Cinecittà

L’unità d’Italia, a detta di molti, più che Garibaldi, l’ha fatta il “Giro”, uno degli eventi sportivi di maggiore rilevanza e affezione popolare. Ideato dalla Gazzetta dello Sport nel 1909, interrotto durante le due guerre mondiali, il “Giro” nel 2017 ha festeggiato la centesima edizione. Il “Giro” è la storia di un paese che ha saputo vivere le differenze linguistiche, economiche, gastronomiche, come una ricchezza e fondando su queste la propria identità nazionale. La grande epopea del “Giro” non è solo il dualismo Coppi-Bartali, di cui si è narrato molto, è storia di eroi popolari come Binda, Girardengo, Gimondi, Bugno, Moser e di altri uomini importantissimi e meno conosciuti, campioni, tecnici e gregari che concorrono a fare grande la storia del “Giro”. È anche la storia di quell’Italia che si ritrovava nei piatti tipici delle trattorie sparse nelle varie tappe, caratterizzate da una convivialità semplice, saporita e vera. Quell’Italia che pedalando ritrova dopo la II guerra mondiale il coraggio nel futuro e tappa dopo tappa, regione dopo regione, paese per paese, scopre il boom economico, affidando ai singoli ciclisti l’orgoglio dell’appartenenza campanilistica.

In lingua italiana con sottotitoli in inglese

L’Istituto riserverà rigorosamente l’accesso ai possessori della tessera di socio (+1 persona) in corso di validità.

Informazioni

Data: Mar 26 Mar 2019

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Budapest

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Budapest - Sala Federico Fellini

1658